IT ENG

Sport & Natura

Il campeggio nel periodo invernale offre la possibilità di praticare diversi sport!

Per gli appassionati dello sci un comprensorio sciistico in grado di soddisfare qualsiasi richiesta. DOLOMITI SUPERSKI - 450 impianti di risalita - 1220 km di piste! Da Malga Ciapela, con gli sci, si possono raggiungere Arabba, Corvara, la val Gardena, la Val di Fassa e farvi ritorno, attraverso il carosello sciistico piú vasto del mondo. Bellissimo per gli amanti dello sci è il Giro dei 4 Passi - Sellaronda, durante il quale si può fare il giro del gruppo del Sella. Altro tour che passa proprio da Malga Ciapela è il Giro della Grande Guerra, che con un lungo giro passando per il Civetta, il Passo Giau, il Passo Falzarego, la Val Badia e Arabba, tocca i luoghi in cui si combattè la Prima Guerra Mondiale.

L´ardita funivia della Marmolada porta a quota 3265 mt da dove si ridiscende lungo una favolosa pista di 12 km, la Bellunese.  A Malga Ciapela si trovano ideali campi scuola per principianti, qualificati maestri, anelli per lo sci di fondo di varie difficoltá, sci escursionistico e passeggiate con le ciaspe ( a disposizione proprio da noi). 

 - Servizio skibus privato e gratuito dal campeggio agli impianti. Rientro sugli sci. -

Un altro sport che si puà praticare qui è l'arrampicata sul ghiaccio, ma cos'è questo sport?
L’ice climbing è una tipologia di sport che deriva direttamente dall’arrampicata su roccia e dall’alpinismo. La disciplina viene suddivisa generalmente in due categorie di cascatisti: i professionisti e gli amatori. Le pareti da scalare sono abitualmente dette Cascate di Ghiaccio ed esistono differenti gradi di difficoltà; in base al tipo di ghiaccio può variare l’indispensabile attrezzatura e l’equipaggiamento da utilizzare per la salita. Il continuo progresso tecnologico e l’innovazione dei materiali impiegati, per realizzare gli strumenti necessari, hanno reso l’arrampicata sul ghiaccio facilmente praticabile in diversi comprensori dell’arco alpino, in inverno. Ramponi e picozze sono solo una piccola parte degli accessori necessari per affrontare in tutta sicurezza le pareti da scalare nella media o alta montagna.

I Serrai di Sottoguda si trovano alle pendici della regina delle Dolomiti, la Marmolada, e sono una meta molto apprezzata da tutti gli appassionati di ice climbing, grazie alla varietà di cascate disponibili per le scalate sul ghiaccio. I serrai sono un vero e proprio canyon scavato dal torrente Pettorina, lungo due chilometri, che arriva fino al territorio del paese di Malga Ciapela. La località è facilmente raggiungibile dalle zone circostanti e ricade all’interno del comune di Rocca Pietore. L’affascinante contesto ambientale si contraddistingue per le pareti a picco che raggiungo diverse altezze, superando anche i cento metri. 

All'interno dei Serrai oltre venti cascate di varia difficoltà offrono la possibilità ai climbers di mettere alla prova le proprie capacità atletiche. Per i meno esperti è consigliabile iniziare con la cosiddetta Cascata della Traversata oppure con quella del Gelato o Baby, che non richiedono particolari attenzioni e accorgimenti tecnici. Per la bellezza paesaggistica la Cascata del Sole è da effettuare preferibilmente, durante una giornata senza nuvole. Riconoscibili per l’imponenza e la maestosità sono le pareti poste sul lato destro dei Serrai di Sottoguda, note come la Cattedrale. Le inclinazioni non troppo sostenute definiscono la via denominata Cattedrale di Centro, mentre la Cattedrale di Destra è composta da ghiaccio lavorato. Infine la Cattedrale di Sinistra è il percorso più impegnativo e comprende ben 35 metri di parete verticale a picco. In questa cascata per sicurezza è opportuno impiegare delle corde lunghe 60 metri. Tra le più famose cascate di ghiaccio della Marmolada c’è la Spada nelle Roccia, che nasce dall’interno di una grotta e si sviluppa all’esterno in una grande colonna a strapiombo. Negli anni Ottanta venne scalata per la prima volta dalla guida alpina Maurizio Gallo, direttore dell’Ice Master World Cup. Da diverse stagioni non riesce a formarsi, per la mancanza di approvvigionamento idrico. Dal forte impatto visivo è la splendida Excalibur, considerata la cascata di ghiaccio più bella e perfetta del canyon. È composta da tre salti vicini e raggiunge l’altezza di 105 metri. Queste sono solo alcune delle cascate presenti all’interno dei Serrai di Sottoguda, molte altre ancora sono disponibili per gli appassionati e per i professionisti, tutte fornite in loco dell’adeguata attrezzatura per l’arrampicata sul ghiaccio.
Valtur.it 

La pista di sci da fondo, per un totale di 7.5 km, si suddivide tra pista facile, media e difficile e si sviluppa proprio intorno al nostro campeggio. A Malga Ciapela si trova anche la scuola di sci da fondo per i principianti o per chi vuole migliorare.

Come già accennato, presso il nostro camping è anche possibile noleggiare le ciaspole per fare delle belle passeggiate nella quiete del bosco innevato o attraverso i Serrai fino a raggiungere il paese di Sottoguda.

Nel periodo estivo la nostra zona regala la possibilità  di fare delle belle escursioni in montagna, ce n'è per tutti i gusti, dai più allenati ai principianti, per questi ultimi e per le famiglie possiamo consigliare un'escursione fino a Valle Ombretta, o il sentiero di circa 2 km che attraversa i Serrai. Spostandosi una decina di km più in basso si può fare il giro del lago di Alleghe, una camminata di circa 2 ore durante la quale si ha la possibilità di affittare un pedalò. Spostandosi più in su, sul passo Fedaia potrete camminare lungo la sponda di questo lago artificiale e ammirare la bellezza del ghiacciaio della Marmolada e dei monti del Padon.

I passi Fedaia, Giau, Falzarego e le strade della zona metterano a dura prova i ciclisti su strada. Anche gli amanti della mountain bike troveranno pane per i loro denti percorrendo sentieri dedicati tra i boschi e le montagne.

Lungo le pareti della Marmolada ci sono diversi percorsi per gli arrampicatori più esperti. Tutto iniziò nel 1862, con il viennese Paul Grohmann e la guida alpina Pellegrino Pellegrini, che scalarono per primi la parete nord della Regina. Ma oggi è soprattutto la parete sud ad essere la più "sfruttata" e quella nella quale si sfidano il maggior numero di scalatori. 

Intorno alla Marmolada si sviluppano diverse Vie Ferrate, alcune per più esperti e altre alla portata di più persone, come la Via del Sas de Rocia. Tra le più complesse troviamo la Via Ferrata delle Trincee, che attraversa le trincee e i campi di battaglia della Prima Guerra Mondiale, e la Ferrata della Marmolada, nella quale si può sfidare la regina delle Dolomiti.